Chi Siamo

FOGLIA_SITO_1
La Cooperativa Cantine Riunite del Ciro’ e del Melissa nasce nel 2003 su inziativa del Comune di Melissa a seguito del fallimento dell’ex Cantina Sociale . Oggi annovera 90 soci tutti conferenti, Piccoli e medi vignaioli della zona che vanta la produzione del vino Ciro’ e Melissa Dop. Con una potenzialità di circa 20.000 quintali di uve.
Vini storicamente considerati e riconosciuti tra i più prestigiosi nella antica Magna Grecia ed ancora oggi apprezzati per le pregievoli caratteristiche organolettiche, ottenute esclusivamente da uve gaglioppo. La tipicità dei vitigni, tutti autoctoni; la vocazione delle terre, situati nei comini di Cirò, Cirò Marina, Crucoli e Melissa destinate alla coltivazione della vite, trovano condizioni ottimali per una serie di fattori favorevoli quali: il terreno di medio impasto, il clima, la buona esposizione al
sole di Calabria, che favoriscono la maturazione delle uve in modo perfetto per la realizzazione di ottimi vini. Da ricordare che il Cirò DOP fu il primo vino Calabrese a fregiarsi della D.O.C.
I soci della Cooperativa delle Cantine Riunite del Cirò e del Melissa attraverso l’impegno, la professionalità e l’esperienza rivalutano la naturalità, la genuinità, la tipicità e il prestigio di un vino che ha tenuto alto il nome di un territorio di straordinaria bellezza e suggestione.
L’area di produzione del Cirò e del Melissa ha la fortuna di ospitare i vitigni più antichi e prestigiosi della Magna Grecia, dove la storia , la tradizione e l’essenza dei profumi si fondono in un’atmosfera magica.
Le Cantine Riunite del Cirò e del Melissa si trovano a Torre Melissa, nel cuore di quell’area della Calabria definita come Alto Crotonese con un’area di 54.800 ettari.
Il nostro vino è apprezzato moltissimo anche in Cina , dove di recente abbiamo aperto un nostro ufficio logistico di distribuzione.
In tutto il territorio cui fanno riferimento le Cantine Riunite la coltivazione prevalente è quella dei vigneti ad alberello, detto anche “alberello calabrese classico”, coltivazione per altro consigliata nel disciplinare di produzione del DOC Melissa e del DOC Cirò.
La superficie vitata, in base alle dichiarazioni rese al Catasto Viticolo istituito con Reg. CE 1294/96, è di circa ha 2.900 – purtroppo leggermente inferiore agli ettari attesi – mentre risultano più che raddoppiate il numero delle imprese viticole.
Nonostante le limitate dimensioni delle aziende, negli ultimi tempi, grazie anche al Reg. CE 1493/99, la meccanizzazione della coltura è migliorata, per cui si assiste ad una discreta riduzione dei tempi di lavoro e, conseguentemente, dei costi di produzione.
I disciplinari prevedono una produzione di uva max consentita (per ettaro) di 115 qli/ha, produzione media per ettaro di 80 qli e resa dell’uva in vino del 70% circa. I sistemi di allevamento “ad alberello”, presenti nei vigneti più vecchi – nei quali la densità è maggiore, con sesti più stretti (1,00 x 1,00 – 1,60 x 0,80 – 1,80 x 0,90) e conseguenti difficoltà alla meccanizzazione – sono stati in parte gradualmente sostituiti dal “cordone speronato”, adottato nei vigneti più recenti – con sesti moltopiù larghi (2,00 x 1,00 – 2,20/2,50 x 1,25/1,50) e facilmente meccanizzabili – senza modificarne la resa, al fine di non alterare le caratteristiche delle uve e dei vini. Anche la tecnica colturale ha raggiunto significativi passi avanti con l’utilizzazione di macchineinnovative sia per la gestione del suolo (arature e concimazioni organiche), sia per la difesa fitosanitaria (mediante metodi di produzione integrata e/o biologica).

I vitigni più diffusi nell’area del Cirò e del Melissa sono il Gaglioppo (per i vini rossi) 80%, Greco Bianco (per i vini bianchi) 15%, Trebbiano bianco 4% e altri vitigni di trascurabile entità 1%. Recentemente sono stati introdotti vitigni internazionali come lo Chardonnay e altri definiti miglioratori come ad es. Cabernet, Sauvignon, ecc..
Grande interesse si sta ponendo per il recupero di vitigni autoctoni come il Magliocco Canino, Nerello Capuccio, Aglianico, Lacrima, Prunesta, Greco nero, S. Severina o Colorino, Ciliegiolo, Nero d’Avola. Alcuni di questi vitigni minori sono più meritevoli per ottenere vini tipici di ” nicchia” richiesti da consumatori appassionati.
Dell’antico vitigno “Gaglioppo” tipico del famoso Cirò e del Melissa esistono diversi cloni, che sono sottoposti già da qualche anno alla ricerca di selezione clonale.

I vini Cirò e Melissa vantano un illustre passato e sono sostanzialmente il nucleo originario della cultura organizzata della vite e del commercio vitivinicolo dell’intera regione. Il Cirò e il Melissa hanno trovato un buon mercato certamente aperto ad un sostanziale ampliamento. Il Cirò, in particolare, viene esportato in tutto il mondo, conquistando consensi ed apprezzamenti
da parte del consumatore più esigente.

Negli ultimi tempi si stanno effettuando grandi sforzi per cercare di riqualificare e diversificare le produzioni dei citati qualificati vini. La professionalità delle maestranze e la saggia politica di costante modernizzazione degli impianti, consentono di ottimizzare i vini .
Così nascono i vini della Cooperativa.